Discover Venezuela



Muoversi in Venezuela
Cultura
Cibi e bevande
Festività nazionali
Previsioni metereologiche
Popolazione
Link utili:
Richiedi info
Altre aree:

INSERISCI LA TUA AGENZIA DI VIAGGI SU QUESTO SITO
 
SPONSOR:
Tuscany Villas
Agenzia Immobiliare Forte dei Marmi
Tuscany-charming
Subweb Consulting Internet Solutions
Tour India With Driver
Locanda Podere il Riposo


Storia del Venezuela

Scoperto da C. Colombo nel 1498, il Venezuela deve il proprio nome ad Amerigo Vespucci e ad Alonso de Ojeda. Esplorato e colonizzato da numerosi conquistadores spagnoli, il territorio divenne Capitanía General nel 1717 e fu quindi inquadrato nel vicereame della Nuova Granada, che comprendeva la Colombia e l'Ecuador. Il movimento indipendentistico, originatosi nel 1811, si sviluppò nel quadro delle gesta di S. Bolívar e della costituzione della Grande Colombia, che interessò i territori del Venezuela nel 1821. La nuova entità si sciolse nel 1830 e da essa presero vita, come Stati indipendenti, le tre nazioni che la componevano. Seguì un periodo di contrasti tra fazioni interne e quindi di dittature militari, che grazie anche ai proventi dei ricchi giacimenti petroliferi scoperti a inizio del sec. XX, tra il 1908 e il 1935 operarono una profonda modernizzazione delle strutture nazionali.
periodo coloniale
Nel 1948, dopo una parentesi democratica durata tre anni, ascese al potere il generale M. Pérez Jiménez, che vi rimase fino al 23 gennaio 1958, quando venne rovesciato da una nuova rivoluzione popolare. Il 7 dicembre dello stesso anno fu eletto presidente (per la seconda volta) il socialista R. Betancourt, che nel 1961 reintroduceva la legalità istituzionale; negli anni successivi ciò permise l'alternanza al potere dei due partiti socialdemocratico e cristiano-sociale. La fine degli anni Ottanta ha visto un deciso peggioramento della situazione economica del Paese, con gravi disagi per la popolazione e scoppio di tumulti che nel 1989 hanno portato il governo di C. A. Pérez a sospendere la Costituzione per ragioni di ordine pubblico. Accusato di corruzione, nel 1993 Pérez è stato deposto, e in sua vece è stato eletto il generale R. Caldera Rodriguez, sociale-cristiana. Questi si trovava ad affrontare una crisi economica senza precedenti costringendolo nel 1994 a sospendere le libertà individuali per circa un anno allo scopo di limitare la corruzione dilagante. Nonostante tutto la situzione non è apparsa migliorata , ma durante tutto il 1995 si sono avute numerose manifestazioni di disaffezione nei confronti del governo. Nelle elezioni presidenziali del 1998 si è così imposto, sostenuto da una coalizione di sinistra, H. Chávez, autore di un fallito colpo di Stato nel 1992
Nel dicembre 1999, il presidente ha indetto un referendum per approvare una nuova Costituzione, ottenendo la maggioranza dei consensi. Sempre alla fine del 1999, una spaventosa inondazione, generata dalla Niña, il fenomeno meteorologico che aveva scatenato freddo e pioggia in tutto il Sudamerica, ha sconvolto il Venezuela causando quasi cinquantamila vittime e danni incalcolabili all'economia. Nelle elezioni del 2000 Chávez è stato riconfermato alla carica di presidente. Nell'aprile 2002 un colpo di stato militare destituiva Chavez, ma dopo 48 ore un'imponente manifestazione popolare di sostegno all'ex presidente lo riportava al potere. Tuttavia perdurava una grave situazione di conflitto nel Paese che portava l'opposizione a indire a fine 2002 uno sciopero del settore petrolifero che paralizzava l'economia del Paese. Successivamente l'opposizione chiedeva un referendum consultivo sul mandato di Chavez, bocciato però a fine gennaio 2003 dalla Corte Suprema. In giugno governo e opposizione raggiungevano un accordo per procedere con la convocazione del referendum, per la quale, a fine anno, l'opposizione raccoglieva 3,4 milioni di firme. Nel febbraio 2004 il Consiglio elettorale nazionale, dopo aver verificato la validità delle firme, respingeva la richiesta di referendum. Successivamente l'opposizione riusciva a raccogliere un numero di firme sufficiente ad indire il referendum, che si è svolto in agosto ed è stato vinto da Chavez.
simon bolivar